SULL’ORLO DELL’INVISIBILE – Raffaele Gaetano.it

SULL’ORLO DELL’INVISIBILE

SULL’ORLO DELL’INVISIBILE

Il Grand Tour è stato uno dei fenomeni più singolari della moderna cultura europea, un’esperienza in cui si combinavano effimero e duraturo, fatuità e gusto d’osservazione, curiosità e spirito d’avventura. A partire dal ’700 la Calabria ne diviene uno degli approdi lungo le rive del Mediterraneo. Se Lazio, Campania, Puglia, Sicilia comunicano arte, vestigia di un passato glorioso che i viaggiatori visitano come complemento dello stile e del tratto personale, nella terra di Pitagora e Campanella si viene per scorci mozzafiato, plaghe incolte e selvagge, un’umanità ora affettuosa ora neghittosa e losca che diventano ai loro occhi lo stigma di un’arcana suggestione. Persino il nome Calabria, così musicale e vibrante, evocava un mondo magico in cui perdersi e ritrovarsi: penetrando nel fitto di una foresta, scoprendo slarghi inaspettati, zigzagando nei vicoli senza nome, fiancheggiando le mura di terra rossa dei paesi, entrando e uscendo dalle mille porte delle case, ripartendo per sempre nuovi viaggi perigliosi ma esaltanti. A sospingere i viaggiatori sin nella culla della civiltà è il desiderio di penetrare un universo che molto prima di aerei e navigazione su internet, si girava praticamente a piedi o a cavallo, percorrendo l’antica consolare Annea fatta costruire dai romani, scegliendo accuratamente le stagioni per evitare gli eccessi del caldo e del freddo. Opera di sorprendente erudizione, ricca miniera di riferimenti letterari e di immagini, Sull’orlo dell’invisibile svela al lettore moderno quest’universo di grande varietà e vivacità. Lo fa attraverso la lente del sublime, una delle categorie estetiche più in voga tra ’700 e ’800, capace, oltre le mode e le apparenze, di incidere profondamente nella coscienza europea. Una lettura coraggiosa, sin qui lasciata solo tra parentesi dagli studiosi, che della relazione Grand Tour-Sublime hanno rifiutato i contenuti ancora troppo vaghi. Raffaele Gaetano la mette invece a fuoco in pagine emozionanti, conservandone la tipica frammentarietà, riproducendone l’atmosfera e i contorni, riesumandone i ricordi con lo strumento formidabile della scrittura, che anche in questo suo ultimo libro è come una pellicola sensibilissima.

Autore Raffaele Gaetano
Anno 2006 , Editore Monteleone
Pagine 218 + 34 tavole a colori , Isbn (Esaurito)

LEGGI ANCHE...

LA CALABRIA NEL VIAGGIO PITTORESCO DEL SAINT-NON

Di viaggi in Italia ce ne sono stati tanti e lungo diversi secoli: da quelli d’istruzione legati all’affinamento culturale, a quelli di piacere affrontati a cuor...

Autore Raffaele Gaetano
Anno 2011
Editore Koinè
Isbn (Esaurito)

La benda sugli occhi

Il barone Paul-Henri Thiry d’Holbach (1723-1789), con la sua coerente battaglia antireligiosa, anticlericale ed antiassolutistica è senza dubbio un personaggio chiave...

Autore Raffaele Gaetano
Anno 1999
Editore Rubbettino
Isbn 9788872844564